League: Bracco Cup

INTER – MILAN (Finale Bracco Cup – 41 Carletto Annovazzi)

L’Inter vince il Torneo Annovazzi grazie all’1-0 contro il Milan. I nerazzurri si impongono in campo nel primo tempo grazie alla coppia difensiva Bovio-Peletti e all’intesa tra Sorino e Grisoni lungo la fascia sinistra. I rossoneri partono bene nella ripresa, andando vicini al gol con Tartaglia e Pinessi, ma l’Inter non molla il colpo e si riporta in attacco con Sorino: al 19′ il terzino mette un pallone in mezzo per Curcio che riesce a deviare in rete, siglando il vantaggio che porta i nerazzurri a vincere la finale.

Primo tempo. I ritmi della gara sono subito alti e l’Inter prende presto il controllo della metà campo avversaria. Al 6′, Curcio ha palla in area spalle alla porta, si gira per calciare ma non riesce ad angolare il tiro. Pochi minuti dopo il Milan prova a rispondere con Valenta, che si libera lungo la fascia e mette un traversone in area che finisce sui piedi di Lupo, ma il numero 7 rossonero non riesce a controllare e regala il pallone a Mortarino. Nei minuti che seguono si gioca ad alta intensità a centrocampo, ma il Milan fatica a uscire in favore dei nerazzurri più precisi nel possesso e nella ricerca della profondità. Al 14′ Grisoni si libera dei marcatori e arriva a bordo area, facendo partire un tiro che però finisce dritto fra le mani di Catalano; stessa sorte per il tiro di La Torre cinque minuti dopo. Al 20′ ci prova anche Carrara, ma la conclusione è di poco alta, così come quella di La Torre tre minuti dopo su un calcio di punizione diretto in porta. Nei minuti finali, Sorino ha spazio per straripare lungo la fascia ed entrare in area, qui serve La Torre arretrato che calcia di prima ma il pallone, ancora una volta, sorvola la traversa.

Secondo tempo. Nella ripresa Merlo punta su Tartaglia e Pinessi per cercare nuove soluzioni in fase offensiva, e dopo qualche minuto di assestamento i rossoneri mostrano di essere ancora in partita. Al 5′ Lupo prova a deviare in porta una palla tesa messa in area da Valenta, che tuttavia non centra lo specchio; cinque minuti dopo ci prova Tartaglia da fuori su passaggio di Comotto: il tiro è promettente ma Mortarino in volo riesce a deviare in calcio d’angolo. Passa appena un minuto e il Milan va nuovamente vicino al gol: Valenta si alza il pallone e fa partire un traversone per la testa di Pinessi, ma la sua stoccata non trova la porta. Dopo i primi minuti a tinte rossonere, l’Inter riesce a far riemergere la propria rapidità in fase offensiva proprio quando ce n’è più bisogno: al 19′, Sorino si rende protagonista di un’ennesima discesa sulla fascia prima di far partire un cross che, davanti alla porta, trova la deviazione vincente di Curcio che sblocca il punteggio. Il Milan perde subito l’ispirazione mostrata all’inizio, a favore dell’Inter che non si sbilancia e chiude gli spazi alle ripartenze avversarie, mantenendo il vantaggio fino al triplice fischio.

 

La titolare del Milan

 

Milan – Atalanta (Semifinale – 41 Annovazzi)

Semifinale rocambolesca e giocata tutta d’un fiato quella tra Milan e Atalanta. Il punteggio rispecchia quanto visto in campo: i rossoneri, meglio nella prima parte di gara, arrivano a condurre con le reti di Valenta e Pinessi; nel finale la Dea si accende e rimonta con una doppietta di Inacio. A deciderla sono i calci di rigore, nei quali il Milan ha la meglio e si qualifica per la finale di giovedì prossimo (31 marzo) dove affronterà i cugini dell’Inter.

Primo tempo. La partita si accende subito e le due squadre partono alla ricerca del vantaggio. Al 4′ Arnaboldi prova di testa su calcio d’angolo ma non centra lo specchio, pochi minuti dopo i tiri da fuori di Inacio hanno la stessa sorte. La gara si inizia a giocare a centrocampo, con ritmi alti ma poche occasioni da gol. Al 12′ una punizione di Comotto trova Valenta sul secondo palo, con il suo tiro al volo termina alto. Ma il gol per il numero 7 rossonero arriva tre minuti dopo, quando in area riesce a beffarsi del difensore e spostarsi il pallone sul sinistro, col quale fa partire un tiro a giro che si insacca sul secondo palo. Poco dopo Comotto, servito da Arnaboldi, prova una giocata uguale, ma il suo tiro è meno angolato e Lazzaroni riesce a fare suo il pallone. Al 22′, dopo una mischia a bordo area, il pallone arriva ad Arnaboldi che ci prova da fuori, il tiro è potente ma non centra la porta. Nel finale ci prova anche l’Atalanta con Regonesi e Steffanoni, ma le loro conclusioni terminano alte.

Secondo tempo. Nella ripresa si assiste subito agli stessi ritmi del primo tempo, e al 17′ il Milan riesce a raddoppiare: Valenta si libera dei difensori sulla fascia e serve Pinessi in area, che scaraventa di prima il pallone in rete. I nerazzurri iniziano però a rendersi più imprevedibili e pericolosi in fase offensiva, e al 21′ accorciano le distanze: Damiano si libera con un numero della difesa e calcia, il suo tiro viene deviato da Leto e Vecchio non riesce ad avventarsi sulla ribattuta, ottenendo solo un calcio d’angolo. Battuto il calcio piazzato, dopo un malinteso della difesa milanista, il pallone arriva a Inacio che calcia in diagonale e trova il gol. Il Milan è ora in affanno e fatica a uscire dalla propria metà campo, in favore di un’Atalanta che ha preso sempre più confidenza. I bergamaschi riescono ad agguantare il pareggio nel finale, con Inacio che con un numero si libera della difesa a bordo area e prova da fuori, trovando il gol che fa proseguire la gara ai calci di rigore. Per la Dea, i primi due tiri dal dischetto non vanno a segno, in favore del Milan che non ne sbaglia nessuno e vince col rigore decisivo di Pinessi. I rossoneri si preparano ora alla finale, dove è previsto il derby con l’Inter dopo il bis dei nerazzurri ai danni del Genoa.

 

La titolare dell’Atalanta

 

                     MILAN                  ATALANTA
Rossonera Colore Maglia Neroazzurra
GIOCATORE ANNO   ANNO GIOCATORE
CATALANO ALESSIO 2008 1 2008 LAZZARONI ANDREA
FERRARA FRANCESCO 2008 2 2008 PERCASSI GIOVANNI
NOLLI LUCA 2008 3 2008 BOLIS TOMMASO
LO MONACO KEVIN 2008 4 2008 RINALDI ALESSANDRO (C)
LA MANTIA SIMON (VC) 2008 5 2008 COJOCARIU RAUL (VC)
CULLOTTA ANDREA 2008 6 2008 REGONESI NICOLO’
VALENTE TOMMASO 2008 7 2008 COLOMBO MATTEO
ARNABOLDI PIETRO (C) 2008 8 2008 STEFFANONI FEDERICO
ANGHILERI GIULIO 2008 9 2008 MEZZOTERO LORENZO
COMORRO CHRISTIAN 2008 10 2008 INACIO SAMUELE
VRENNA MICHELE 2008 11 2008 RINALDIMICHELE
LONGONI ALESSANDRO 2008 12 2008 LETO MANUEL
BIFFI LEONARDO 2008 13 2008 NOVA RICCARDO
BASSO RICCI MATTIA 2008 14 2008 BRAIDA ANDREA
MINGIRULLI GIOVANNI 2008 15 2008 ISOA ISAAC
TARTAGLIA EDOARDO 2008 16 2008 PEREGO RICCARDO
PIAZZOTTA FILIPPO 2008 17 2008 NICOLI ANDREA
BORSANI EMANUELE 2008 18 2008 VECCHIO GIACOMO
PINESSI RICCARDO 2008 19 2008 MAPELLI DIEGO
LUPO SIMONE 2008 20 2008 DAMIANO VINCENZO
Tecnico MERLO MARCO   Tecnico PREVITALI ROBERTO